Alluce rigido

Cosa sappiamo nel 2021?


Ne parliamo seguendo la più recente revisione della letteratura sull’argomento.


Introduzione

L'alluce rigido è una condizione che si riferisce all'artrosi degenerativa, associata alla restrizione della dorsiflessione, dell'articolazione alla base dell'alluce (prima articolazione metatarso-falangea o MTP). Per sottolineare l'importanza di questa articolazione, circa il 119% del peso corporeo viene da essa trasportato durante il ciclo del passo ad ogni passo. Nelle fasi iniziali, l'articolazione alla base dell'alluce passa attraverso la formazione di osteofiti e la degenerazione della cartilagine; questo può progredire fino a coinvolgere l'intera articolazione nelle ultime fasi.[1][2][3]


Eziologia

Sono stati proposti molti meccanismi e fattori di rischio per spiegare la patologia dell'alluce rigido. Stress ripetitivo o condizioni infiammatorie come gotta, artrite reumatoide, condizioni metaboliche, danni alla superficie articolare dovuti a osteocondrite dissecante e fattori strutturali.[3]


Epidemiologia

L'alluce rigido è la seconda condizione più comune che colpisce la prima articolazione MTP dopo l'alluce valgo. Colpisce circa il 2,5% delle persone di età superiore ai 50 anni. Le donne hanno il doppio della probabilità rispetto agli uomini di soffrire di alluce rigido. La condizione può verificarsi nell'adolescenza ma non è comune e in questi casi è associato a lesione osteocondritica.[1][2][3]


Fisiopatologia

La maggior parte dei casi di alluce rigido è idiopatica (senza causa apparente). Tuttavia, più autori hanno notato un'associazione con lo sviluppo dei cambiamenti artrosici attraverso cause sia traumatiche che iatrogene. La causa sottostante è probabilmente multifattoriale. Il coinvolgimento bilaterale è più comune ed è associato alla storia familiare e al genere femminile. Fino a due terzi dei pazienti hanno una storia familiare di alluce valgo. La contrattura del tendine di Achille, l'usura delle scarpe e una testa metatarsale elevata non sembrano contribuire allo sviluppo dell’artrosi della prima articolazione MTP.[3][4][5]


Storia e presentazione clinica

I segni e i sintomi con cui si presenta includono dolore, andatura alterata e aumento della massa delle articolazioni che porta a difficoltà a indossare le scarpe. La compressione del nervo cutaneo mediale dorsale può portare a intorpidimento lungo il bordo mediale dell'alluce.


Esame fisico

- La prima articolazione metetarso-falangea è spesso gonfia e dolente e può avere osteofiti dorsali palpabili.

- C’è una diminuzione del range di movimento passivo e attivo (ROM), più comunemente nella dorsiflessione. Nei casi più lievi il dolore di solito si verifica negli ultimi gradi dell’escursione articolare; tuttavia, il dolore che si verifica in un range intermedio del movimento può indicare uno stadio più avanzato della malattia con interessamento più globale dell’articolazione.

- C’è la riproduzione del dolore con la dorsiflessione forzata e potrebbe essere un grind test positivo.[2][3]


Diagnosi differenziale

Deve differenziarsi da altre cause di dolore alla prima articolazione MTP, come borsite, alluce valgo, infezione, dito da tappeto erboso, ecc. La restrizione nella dorsiflessione, insieme alla presenza di osteofiti dorsali, può portare alla diagnosi di alluce rigido. Il dito da tappeto erboso si presenterebbe in modo più acuto dopo una lesione traumatica in dorsiflessione. L'alluce rigido può presentarsi gonfio e doloroso, con gli esami di laboratorio si può differenziare da altre malattie come l’artrite settica o la gotta.


Trattamento

La gestione può essere conservativa (discussa in un altro articolo consultabile cliccando qui) o chirurgica.

Le opzioni chirurgiche sono:

  1. la cheilectomia (rimozione del 30% dell’aspetto dorsale della testa metatarsale)
  2. l’artrodesi (unione delle ossa che compongono l’articolazione MTP)
  3. l’artroplastica (sostituzione degli elementi articolari danneggiati).


Prognosi

Il trattamento conservativo dovrebbe essere il primo tentativo di intervento, poiché ha dimostrato di avere buoni risultati. Grady e colleghi hanno esaminato 772 pazienti con gestione chirurgica o non chirurgica; Il 55% percento di tutti i pazienti ha avuto successo nel trattamento con la sola terapia conservativa.[5] Mentre per il trattamento chirurgico, l’artrodesi della prima articolazione metatarso-falangea ha dimostrato un esito eccellente con un tasso di successo dell'85%.[10]


Complicazioni

La cheilectomia non previene la progressione della malattia. I tassi di conversione all'artrodesi variano dal 7% al 9% in dieci anni. Se la procedura fallisce, non compromette un ulteriore intervento chirurgico di revisione.[2][8]

Una revisione sistematica di Stevens et al. ha dimostrato un tasso di mancato consolidamento o ritardo di consolidamento di circa il 6,6% associato all'artrodesi. Inoltre, lo studio ha mostrato che circa il 20% dei pazienti presentava una pseudoartrosi asintomatica che non richiedeva trattamento. Altre complicazioni possono includere la rimozione dell'hardware, la rigidità articolare e la metatarsalgia.[3][10]

Le complicanze associate all'artroplastica con resezione di Keller comprendono la deformità del bacino dell'alluce, la debolezza del toe-off e la metatarsalgia da trasferimento. Le complicanze legate all'artroplastica includono il fallimento dell'artroplastica. La correlazione a complicanze legate all'impianto è del 26%, la maggior parte delle quali è dovuta all'allentamento della protesi che causa instabilità e dolore durante l'andatura.[10]


Educazione del paziente

I pazienti devono capire che l'usura delle scarpe non causa né contribuisce all'alluce rigido. I traumi acuti e/o ripetitivi predispongono ai cambiamenti artrosici.[5]


Migliorare i risultati del team sanitario

  • L'alluce rigido è una condizione comune.

  • Il trattamento chirurgico dovrebbe essere un'opzione solo dopo il fallimento del trattamento non chirurgico.

  • I trattamenti non chirurgici hanno successo per circa la metà di tutti i pazienti.

  • La cheilectomia ha dimostrato risultati promettenti per le prime fasi dell'alluce rigido.

  • L'artrodesi della prima articolazione MTP rimane il gold standard del trattamento per l'artrosi avanzata.

  • Altri trattamenti, come gli impianti di idrogel PVA, hanno buoni risultati a breve termine; tuttavia, questi richiedono ulteriori studi a lungo termine.[3][5]




Dott. Marco Gatto

Fisioterapista, COMT




Tradotto e rielaborato de: Patel J, Swords M. Hallux Rigidus. StatPearls. 2021

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK556019/

Supporta il Blog

Divulgazione scientifica in fisioterapia

Se trovi utile il lavoro che faccio, se ti piace avere un canale di informazione affidabile e privo di conflitti di interessi, puoi supportarmi con una piccola donazione: aiuterà a coprire le spese di gestione e mantenere gratuiti i contenuti.

Avvertenza: I contenuti di questo sito hanno scopo solamente divulgativo e non devono in nessun caso sostituirsi al parere del medico o del professionista della salute di riferimento.